Gli studi giuridici offrono allo studente di giurisprudenza molteplici opzioni lavorative (avvocatura, magistratura, notariato, concorsi pubblici, lavoro dipendente o autonomo nel settore bancario, creditizio, assicurativo, ecc.).

Tuttavia, la varietà di scelte possibili non garantisce di per sé al neo-laureato una rapida e definitiva collocazione nel mercato del lavoro. A tal fine, infatti, è oggi di fondamentale importanza sfruttare immediatamente i vantaggi competitivi dell’età anagrafica, delle capacità di apprendimento e adattamento ad essa connesse, della disponibilità di dati che consentano una lettura consapevole dei contesti in cui ci si muove. Solo così è possibile scegliere con convinzione e senza inutili attese.

Per questi motivi lo Studio Legale Resca Barbuto ha deciso di offire l’opportunità di uno stage ai laureandi in giurisprudenza, che consenta loro di conoscere “dall’interno” il mondo dell’avvocatura e gli aspetti pratici della professione legale, verificandone la compatibilità con le proprie aspirazioni e attitudini ancor prima di conseguire la laurea, oltre a maturare competenze tecniche specifiche che lo avvantaggeranno nello svolgimento dell’eventuale periodo di pratica forense. Lo Studio beneficia di un aiuto prezioso nello svolgimento del lavoro quotidiano, nella realizzazione di progetti culturali e scientifici e nell’apporto di nuove idee, oltre a farsi promotore di un reale cambiamento nell’approccio alle problematiche connesse all’inserimento nel mondo del lavoro.

Lo stage, della durata di trenta giorni, si svolge in collaborazione con Fondazione Ceur, nell’ambito dell’offerta formativa delle Residenze universitarie Camplus, e con l’Associazione Alumni Camplus, network indipendente degli studenti delle residenze Camplus, nell’ambito del programma di “mentoring on the job” dalla stessa promosso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: